Domenica, 18 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
CORRUZIONE

Bustarelle in Calabria?
+ 61% in sei anni

Solo qualche giorno fa l’agenzia antifrode dell’Unione Europea, l’Olaf,  ci ha indicati come paese ad alto rischio sul fronte corruzione, poco trasparente e molto gradito ai malfattori. Dei 120 miliardi che secondo alcune stime vengono sottratte ogni anno all’economia europea dalle tangenti, ben la metà è di italica competenza ovvero 60 miliardi di euro. Ebbene a confermare questa tendenza poco esaltante oggi da Cosenza arrivano i dati sulla corruzione in Calabria dell’indagine di Demoskopica per la BBC Mediocrati di Rende. Circa 15 mila operatori economici avrebbero ricevuto richieste estorsive, mazzette e tangenti. I settori più colpiti quelli dell’edilizia con un 13.2% , dei servizi 13%, dell’agricoltura l’ 11,7%. La richiesta di tangenti viene avanzata principalmente da funzionari che gestiscono gli appalti pubblici 26.1%,  da politici  17%, da esponenti delle forze dell’ordine 11.4%, a seguire altre figure preposte al rilascio di concessioni e autorizzazioni. Le motivazioni più frequenti? Velocizzare una pratica, truccare le gare, evitare problemi con le autorità. La percezione che la corruzione sia aumentata negli ultimi tempi è diffusa nel 54% degli intervistati, per il 41% è rimasta costante, solo l’1,5% ritiene che non ci sia. Eppure analizzando il trend delle denunce dal 2004 ad oggi si registra un incremento del 61%. Indicativi i dati relativi alle tipologia di reato: le truffe per le erogazioni pubbliche fanno la parte del leone con un 50%, a seguire l’abuso d’ufficio e l’indebita percezione a danno dello stato. Tra tasse, bustarelle e pizzo alla criminalità gli imprenditori sono in ginocchio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook