Martedì, 09 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Cosentini premiati a Catania da Squinzi
CONFINDUSTRIA

Cosentini premiati
a Catania da Squinzi

catania, confindustria, fuoriclasse, istituto monaco cosenza, lo bello, squinzi, Cosenza, Calabria, Archivio

Premiati a Catania, durante l’evento nazionale di orientamento di Confindustria, “Fuoriclasse”, il gruppo di Confindustria Cosenza, dell’Istituto Tecnico Industriale “Monaco” e dell’azienda Fi.FF  protagonisti del progetto "Un giorno con l'imprenditore". Classificatisi al terzo posto del concorso nazionale, per il video che racconta l’esperienza di affiancamento lavorativo di alcuni alunni ad un industriale per un giorno, lo studente Francesco Cavaliere e l’imprenditore Paolo Filice, assistiti dal professore Remo Scavello e dalla Responsabile dell’Education di Confindustria Cosenza Monica Perri, hanno ricevuto un premio alla presenza del Presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, del Vice Presidente per l’Education Ivanhoe Lo Bello e del Presidente di Sistemi Formativi Confindustria Luigi Serra. “Fuoriclasse” ha rappresentato l’occasione per presentare una ricerca di Confindustria secondo cui i “Neet”, ossia i giovani tra i 15 e i 29 anni che non lavorano e non frequentano alcun corso di istruzione o formazione, sono 2milioni 250mila, pari al 23,9%, e dall' inizio della crisi il loro numero è cresciuto del 21,1%, con un aumento nel 2012 di 95mila unità  (+4,4%). I risultati della ricerca dicono che il 40% di questi giovani sono alla ricerca attiva di lavoro, circa un terzo sono forze di lavoro potenziali e il restante 29,4% inattivi che non cercano lavoro e non sono disponibili a lavorare. “In Italia – ha spiegato il numero uno di Confindustria Giorgio Squinzi – studio e lavoro raramente si intersecano, a differenza di quanto accade nel resto d'Europa, tanto che solo il 3,7% dei giovani tra i 15 e i 29 anni coniuga istruzione e lavoro contro il 22,1% dei giovani tedeschi e il 12,9% della media Ue. Lavoro e formazione continuano a essere due mondi che non comunicano: piuttosto che agevolare l' ingresso nel mondo del lavoro, il completamento degli studi sembra segnare un passaggio traumatico che lascia una profonda frattura tra i due canali”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook