Domenica, 07 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Lavoratori precari "Collasso sociale"
COSENZA

Lavoratori precari
"Collasso sociale"

lavoro, precari, uil, Cosenza, Calabria, Archivio

"Per i precari calabresi la disponibilità del Governo Nazionale e' insufficiente".  E' quanto sostiene da Cosenza il segretario regionale della Uil, Roberto Castagna che lancia l'allarme. "La  situazione  calabrese- afferma -è oramai al limite del collasso economico e sociale". "Da una parte- spiega-  premono circa 300 mila persone senza lavoro, 200 mila con un rapporto di lavoro precario, 100 mila che fruiscono di ammortizzatori ordinari, circa 30 mila precari da molti anni e 25 mila cassaintegrati e mobilita' in deroga senza futuro, dall'altra una situazione economica e sociale da dopo guerra senza programmi e progetti capaci di creare crescita e sviluppo." Sulla questione del precariato, all'apprezzabile, anche se parziale- spiega ancora- richiesta di una maggiore quantità di risorse da parte del Presidente della Regione Calabria, si aggiunge la buona iniziativa dei senatori Sposetti e Lo Moro del PD che puntano ad un emendamento che prevede, per gli Enti Pubblici, l'autorizzazione ad assumere i lavoratori lsu lpu, anche in posizioni soprannumerarie, con contratto  a tempo indeterminato almeno per 26 ore settimanali; la possibilità di creare le condizioni per ilpensionamento per i lavoratori aldisopra dei 60 anni; il concorso per titoli ed esami per nuove  assunzioni e 40 milioni per il 2014 e 30 milioni per il 2015,  per la stabilizzazione". Castagna auspica che questa posizione sia sostenuta da tutta la deputazione calabrese. 

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook