Martedì, 24 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Erosione coste proposta Occhiuto
COSENZA

Erosione coste
proposta Occhiuto

erosione, occhiuto, provincia, Cosenza, Archivio
foto gazzetta del sud

“La Provincia di Cosenza può vantare una delle più belle fasce costiere di tutto il Paese ma, paradossalmente, relegata a striscia marina non valorizzata a fini turistici”.Ad affermarlo è il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, che nella giornata di oggi ha incontrato incontrato gli amministratori di alcuni Comuni del Tirreno. “Noi calabresi siamo ormai abituati a ripetere certi ritornelli a mo’ di cantilena come se appartenessero al nostro destino – ha detto il primo cittadino del capoluogo bruzio – Ma cambiare si può e si deve. Politiche mirate risolveranno queste situazioni non più accettabili. Finora le contromisure per l’inquinamento biologico, ad esempio, sono state prevalentemente affidate all’iniziativa della magistratura, diretta contro la cattiva gestione dei reflui e dei sistemi di depurazione. Però, come tutti possiamo constatare di anno in anno, tale azione non può risolvere il problema. Occorre invece un approccio organico e integrato, basato su una preventiva campagna di controlli, verifiche ed analisi dei risultati, per ogni bacino idrico confluente in mare. Una campagna che dovrebbe partire con largo anticipo sulla stagione estiva e coinvolgere tutte le risorse disponibili, dagli enti deputati alla programmazione e alla pianificazione sul territorio (Regione, Provincia, Comuni, enti consortili, eccetera) agli organismi di controllo (Arpacal, ASP), dagli organi di vigilanza (i vari corpo di polizia statale, provinciale, forestale, locale, capitanerie di porto) fino agli organismi tecnici (uffici tecnici provinciali e comunali, ordini professionali) e scientifici (università, istituti di ricerca). Ognuno, nell'ambito delle rispettive competenze, dovrebbe portare il proprio contributo, coordinato da un’unica regia, quella dell’ente Provincia appunto, per le sue funzioni istituzionali di tutela e valorizzazione delle risorse ambientali”. Il sindaco Occhiuto ha poi elencato tutte le singole fasi da attuare per un’azione efficace e realmente risolutiva, disquisendo inoltre dell’erosione costiera, altro grave problema che attanaglia i territori che ha visitato. “Le conseguenze di una errata gestione della costa – ha affermato - hanno un impatto negativo su una striscia molto più ampia della battigia, comprendente attività di terra e di mare che, se non gestite con i principi della ‘sostenibilità’, possono produrre pesanti impatti negativi sulla conservazione della costa. I fenomeni di erosione costiera incidono sulle attività produttive turistiche, sul benessere dei cittadini e dei turisti, sugli equilibri ambientali e sull’integrità del paesaggio. La costa e i fenomeni di erosione divengono, quindi, l’indicatore del livello di sostenibilità dello sviluppo del presente, come conseguenza dello sviluppo del passato e forniscono indicazioni precise su quello che sarà lo sviluppo del futuro. Una situazione siffatta – ha proseguito - coinvolge anche le infrastrutture (SS 18, ferrovia, strade comunali), le sistemazioni litoranee, le abitazioni, le strutture permanenti o temporanee legate all’attività turistica. Pertanto ha un costo elevatissimo, che giustifica un impegno straordinario in termini di prevenzione e di opere di ripristino. Un approccio di tipo complessivo e non lasciato all’iniziativa dei singoli Comuni, consentirà non solo di risolvere il problema, ma a costi nettamente inferiori rispetto alla somma dei singoli interventi, ipotizzabili secondo gli attuali criteri. Ma la risposta definitiva alla problematica dovrà comprendere anche un piano di manutenzione e di controlli, condotto da un soggetto sovra comunale, che dovrebbe essere la Regione o, in subordine – ha concluso Occhiuto - la stessa Provincia”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook