Mercoledì, 17 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Tariffe triplicate Guccione chiede sospensione delibera
RIFIUTI

Tariffe triplicate
Guccione chiede
sospensione delibera

carlo guccione, regione, rifiuti, Cosenza, Calabria, Archivio
discarica pianopoli

Il consigliere regionale del PD Carlo Guccione, interviene sull’emergenza rifiuti e chiede la revoca della delibera che ha triplicato il costo mettendo in difficoltà i calabresi: “Ogni giorno che passa ci accorgiamo di quanto sia stata fallimentare la gestione dei rifiuti e delle polpette avvelenate disseminate dalla giunta Scopelliti sul cammino del nuovo governo regionale. A maggio del 2014 avevamo denunciato con forza che, con decreto dirigenziale 58/23 del 14 maggio 2014, erano state rimodulate le tariffe relative allo smaltimento dei Rifiuti urbani e del trattamento in impianto della frazione umida a decorrere dal 1 maggio 2014 con aumenti fino al 250% e grazie alla mobilitazione dei sindaci ed al nostro impegno quel decreto fu ritirato. La giunta di centrodestra e l’assessore all’Ambiente con un colpo di mano hanno emanato un successivo decreto del 25 luglio 2014, n.483, recepito dalla delibera n.322 del 28 luglio 2014, che sostanzialmente spostava dal 1 maggio 2014 al 1 gennaio 2015 l’aumento del costo a carico dei Comuni per lo smaltimento del rifiuto indifferenziato dagli attuali 98 euro/tonnellata a 147 euro/tonnellata con un aumento pari al 150% mentre per il rifiuto differenziato, il cui smaltimento costa attualmente ad alcuni Comuni 34,65 euro/tonnellata e ad altri 47,30 euro/tonnellata, a 92,61 euro/tonnellata con un incremento che va dal 200% al 270%. Da qualunque lato si guardi, la delibera stabilisce addirittura un aumento delle tariffe sia per i Comuni che fanno la differenziata sia per quelli che non la fanno. Tale situazione di aumento indiscriminato avrebbe effetti devastanti sui Comuni dal punto di vista finanziario e vedrebbe quasi triplicare il costo sulle famiglie calabresi per le tariffe relative allo smaltimento rifiuti e non risolverebbe lo stato di criticità in cui versa il sistema calabrese. In questo contesto occorre sospendere l’efficacia della delibera n.322/28 luglio 2014 sulla rimodulazione della tariffa regionale e il conferimento dei rifiuti urbani per il 2015 e avviare una sede di confronto con i soggetti interessati per predisporre tutte le iniziative amministrative e istituzionali utili ad affrontare le emergenze e ad impostare un piano regionale dei rifiuti che metta in moto un ciclo virtuoso del sistema in grado di far diventare i rifiuti una risorsa”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook