Lunedì, 16 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
REGGIO CALABRIA

Cosca San Ferdinando, arrestato anche carabiniere

C'è anche un appuntato dei carabinieri, Pasquale Sannuto, di 35 anni, di Cosenza, tra le persone arrestate nell'ambito dell'inchiesta della Dda di Reggio Calabria sulle cosche di 'ndrangheta di San Ferdinando. Sannuto, posto agli arresti domiciliari, è accusato di favoreggiamento e violazione del segreto d'ufficio, reati aggravati dalle modalità mafiose. Secondo l'accusa, l'appuntato, che era in servizio nella caserma di San Ferdinando, avrebbe rivelato notizie di ufficio, che dovevano rimanere segrete, è detto nel capo d'imputazione, aiutando in tal modo gli appartenenti alla cosca Bellocco-Cimato ad eludere le investigazioni a loro carico. In particolare, secondo la Dda, Sannuto, essendo a conoscenza dell'esistenza di un'attività d'indagine volta ad appurare l'esistenza e l'operatività sul territorio di San Ferdinando della cosca Bellocco-Cimato avviata dai carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, rivelava il dato ai capi del gruppo criminale, Ferdinando Cimato, Gegorio Malvaso e Giuseppe Gioffrè, al fine di agevolare l'organizzazione criminale aiutandoli in tal modo a sottrarsi alle indagini. Sannuto, sin da quando è emerso il suo coinvolgimento nell'inchiesta della Dda di Reggio Calabria, era stato trasferito in altra sede. (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook