Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
OSPEDALE COSENZA

Assunzioni infermieri
monta la polemica

assunzione, infermieri, ipavsi, ospedale cs, scura massimo, Cosenza, Calabria, Archivio
ospedale generico

Gli infermieri cosentini sul piede di guerra per le assunzioni all’Annunziata. “Che fine ha fatto la politica? Perché non interviene? Il governatore della regione, espressione tra l’altro di questo territorio, deve pensare a tutti questi giovani ancora una volta mortificati”. Cosi Fausto Sposato presidente Ipasvi. “Il nodo della questione ruota tutto intorno alle assunzioni ospedaliere. Il Commissario Scura ieri mattina ha autorizzato ufficialmente la procedura di assunzione, “prelevando” le figure professionali direttamente dalla graduatoria del Pugliese-Ciaccio di Catanzaro.  Le promesse di Scura andavano in tutt’altra direzione. Graduatorie si, temporanee, ma soprattutto via libera ai concorsi ed ai bandi nuovi. Così, invece, si mortificano tutti quei giovani che dal 2009 in poi si sono laureati e che ancora adesso aspettano Godot…”. Sposato specifica che l’Ipasvi non è certamente “contro le assunzioni”, ma che al tempo stesso, con questi meccanismi, “ viene negata ai neo laureati l’opportunità di un posto di lavoro, tra l’altro senza bandi e concorsi esterni viene messa in discussione la stabilizzazione dei precari tanto agognata”. La graduatoria del Pugliese è ferma al 2008; da quella data in poi, chi ha avuto modo di laurearsi per svolgere la professione sanitaria, è “chiuso in un recinto dal quale è impossibile uscire”. Ecco perché allora l’appello ad Oliverio ed alla politica tutta. “Si dia opportunità a tutti, si valorizzino studio e competenze, si bandisca l’atteso concorso con pari e medesime opportunità per tutti, non escludendo alcuno”, tuona Sposato. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook