Martedì, 21 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Sorprese ad adescare clienti, denunciate 5 straniere
CORIGLIANO

Sorprese ad adescare clienti, denunciate 5 straniere

di
corigliano calabro, prostituzione, Cosenza, Archivio
Sorprese ad adescare clienti, denunciate 5 straniere

Corigliano

Sanzioni amministrative per inosservanza di una ordinanza sindacale, controlli e segnalazioni agli organi competenti, multe per infrazioni al codice stradale, perquisizioni e sequestri di vetture. È questo il bilancio di una operazione di controllo portata a termine sulla Statale 106 nel tratto del territorio coriglianese. Continua, infatti, è l’azione di controllo del territorio del comunale di Corigliano da parte della polizia di stato. Si potenziano, su disposizione del Questore della provincia di Cosenza Luigi Liguori, i servizi di vigilanza e controllo in alcune aree del territorio del comune, con particolare riguardo al contrasto del fenomeno della prostituzione, sulla strada statale 106, da parte di donne straniere provenienti soprattutto dall’est europeo. Nel corso della settimana, personale del commissariato di polizia di Rossano unitamente a quello del reparto prevenzione crimine di Cosenza, individuava sulla statale, sei donne straniere, di cui cinque di nazionalità romena ed una albanese, intente a prostituirsi e di un uomo che, attirato dall’abbigliamento succinto e dall’inequivocabile comportamento delle stesse, si era fermato con l’autovettura. Alle sei donne ed all’uomo veniva elevato verbale di sanzione amministrativa di euro cinquecento ciascuno, per le violazioni di cui all’ordinanza sindacale del Comune di Corigliano del 2015, che prevede il divieto di tenere comportamenti ed atteggiamenti indecorosi ed indecenti preordinati ad indurre alla domanda di prestazioni sessuali a pagamento, causando altresì interferenza al traffico. L’autovettura che il cliente aveva in uso veniva sottoposta a sequestro amministrativo, così come previsto nell’ordinanza sindacale. Una ordinanza, che con la sua azione repressiva, mira a far desistere i potenziali clienti delle prostitute. Ma no solo repressione contro la prostituzione, infatti, contestualmente a tale servizio venivano effettuati dodici posti di controllo, nel corso dei quali erano ispezionati cento automezzi, identificate 140 persone, di cui diciassette straniere, elevati 6 verbali per infrazioni al codice della strada, ritirate quattro patenti di guida, e due carte di circolazione. Nel corso dei succitati controlli venivano altresì eseguite 4 perquisizioni personali, denunciata in stato di libertà all’autorità giudiziaria una cittadina straniera per inottemperanza al foglio di via obbligatorio con divieto di fare ritorno nel territorio comunale di Rossano e segnalata alla prefettura di Cosenza una persona per detenzione, per uso personale, di sostanza stupefacente.

-----------------------------------------

Focus

Il fenomeno della prostituzione è molto presente sul tratto di strada della Statale 106 nel territorio comunale di Corigliano. Nonostante le varie operazioni portate a termine dalle forze dell’ordine nel corso degli anni, non accenna a diminuire. La domanda c’è, e per come funziona la legge del mercato, non può mancare l’offerta. Nonostante le sanzioni amministrative, multe e sequestro delle vetture, a danno dei clienti, i consumatori del sesso a pagamento non mancano. Il fenomeno esiste e le azioni di repressione non fanno passare di moda il mestiere più vecchio del mondo, che nasconde dietro sfruttamento e che fa riempire le tasche di un organigramma criminale che, sulla loro pelle, continua ad arricchirsi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook