Venerdì, 05 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Cosenza, il successo di Taranto rafforza posizione di De Angelis
CALCIO

Cosenza, il successo di Taranto rafforza posizione di De Angelis

di
cosenza calcio, Cosenza, Archivio
Cosenza, il successo di Taranto rafforza posizione di De Angelis

Il successo con il Taranto ha mitigato il periodo no del Cosenza che arriva alla lunga pausa invernale (il campionato tornerà il 21 gennaio quando i rossoblù affronteranno in casa il Matera) agganciato nuovamente alla Virtus Francavilla, prima del gruppo di seconda fascia.

Il 4-3-3 disegnato allo “Iacovone” da Stefano De Angelis, ancora tecnico ad interim, sembra il vestito migliore per l’organico costruito in estate da Roselli e Cerri.

Il futuro di quest’ultimo è un rebus al quale sono legate le strategie di via degli Stadi. La posizione del responsabile dell’area tecnica decade oggi, dopo il CdA di questa mattina, al quale Cerri non parteciperà perché già rientrato nella sua Piacenza.

Gli ultimi sviluppi e un mercato poco esaltante alimentano dubbi sull’accordo verbale che Cerri chiuse con Guarascio durante la scorsa estate.

Nessuna decisione sarà presa prima della prossima settimana.

Il presidente rossoblù da giorni ha cominciato a intessere contatti per il ruolo di ds. Il nome di Aladino Valoti è ancora in auge. L’affidamento della gestione tecnica a un nuovo ds renderebbe più intricato pure il capitolo allenatore. In questo caso la “riconferma” di De Angelis, che vive di speranze molto maggiori con Cerri (intanto Occhiuzzi, papabile vice, ieri pomeriggio è tornato a dirigere l’Under 17) sarebbe tutt’altro che scontata. Il quadro dovrà essere definito entro l’Epifania, prima che Caccetta e soci si radunino per ricominciare a lavorare (ripresa fissata per mercoledì pomeriggio).

Il Cosenza ha finalmente restituito qualche sensazione positiva nella gara dello “Iacovone”. I silani comunque restano in quarantena, specie perché nella retroguardia sperimentale dei padroni di casa, l’unico abitualmente titolare, Pambianchi, è stato espulso prima del rigore che ha sbloccato il match di Statella.

L’esterno reggino, andato a segno per la quinta partita consecutiva in un dicembre magico (non ha segnato soltanto contro il Catania), ha raggiunto la doppia cifra tra campionato (nove centri) e Coppa Italia di Lega Pro (una rete).

I rossoblù sono apparsi maggiormente propositivi. Aspetto quest’ultimo che è stato apprezzato da Guarascio.

La difesa ha conservato la porta inviolata (era successo solo con il Messina, negli ultimi tredici prima di Taranto) mentre l’attacco ha visto in rete Gambino e Baclet. L’ex Monopoli si è sbloccato dopo quasi tre mesi di astinenza. Più in palla è apparso anche il centrocampo (Ranieri è stato costretto a uscire dopo mezz’ora per via di una contusione).

Nella sua prima da titolare, De Angelis non si è fatto mancare nulla e ha riservato, infine, otto minuti al debuttante Andrea Bilotta. Il terzino classe ’99 è uno dei prodotti emergenti del vivaio silano, che negli ultimi mesi sta mostrando i primi segnali di crescita, come testimoniato dal secondo posto dell’Under 17 e le recenti convocazioni azzurre della rappresentativa di Lega Pro per Antonio Annone, Gianni Azzinnari e Gianluigi Sueva.

Ultimi appunti che potrebbero determinare le imminenti scelte di Guarascio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook