Mercoledì, 27 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Il Cosentino al voto per il rinnovamento
ELEZIONI AMMINISTRATIVE

Il Cosentino al voto per il rinnovamento

di

Il rinnovamento, come sempre, si conferma patrimonio di tutti i candidati a sindaco. Su questo nobile proposito è stata impalcata una campagna elettorale vivace ma quasi ovunque all’insegna del politically correct. Solo a Paola il confronto è divampato in un tutti contro tutti, senza esclusione di colpi. I protagonisti della sfida hanno riportato a galla passioni antiche che sembravano seppellite dalle nuove tecniche di comunicazione. E così è sembrato rivivere gli scontri di un tempo quando dai palchi si denunciavano i vizi dei “rivali” e si dichiaravano le proprie immense virtù. Ai nastri di partenza sono in cinque, uniti dal medesimo progetto: governare la città nel prossimo quinquennio. Un obiettivo che si contendono Carmelo Meo, Basilio Ferrari, Roberto Perrotta, Enzo Limardi e Pino Falbo. Decideranno gli oltre quindicimila elettori ammessi al voto e che fanno di Paola una città a rischio ballottaggio. Possibilità del turno supplementare condivisa con il più grande centro che si recherà alle urne domani, Acri dove un esercito di 21mila elettori sceglierà il sindaco tra i quattro aspiranti, pronti a misurarsi con un passato pesante caratterizzato da due esperienze amministrative concluse in anticipo con l’arrivo del commissario. Una donna, Anna Vigliaturo, e tre uomini (Pino Capalbo, Mario Bonacci e Maurizio Feraudo) proveranno a tracciare le coordinate di un futuro amminstrativo stabile, senza più sbalzi d’umore.

Nel Cosentino il test di domani coinvolgerà complessivamente 117.212 abitanti che più o meno corrisponde a un settimo dell’intera popolazione residente nella nostra provincia. Un esame che coinvolge anche altre importanti realtà come Amantea, Bisignano, Luzzi e Trebisacce. Sono città diverse accomunate dal medesimo desiderio di rilanciarsi proponendo percorsi economici e produttivi finalmente virtuosi in grado di offrire occupazione ai troppi giovani che aspettano da anni un’occasione. Molti restano e combattono sapendo di perdere la battaglia per la sopravvivenza, altri mollano prima e vanno a cercarsi una possibilità di vita lontano. È la storia del Sud, e il Cosentino, purtroppo, rappresenta il Sud del Sud. Agli amministratori si chiede la spinta verso un cambiamento che, tuttavia, non possono garantire perchè le risorse dei Comuni sono ridotte al lumicino e spesso si tratta di amministrare municipalità avviate al dissesto, senza un centesimo in cassa. Cosa potranno fare i primi cittadini? Cosa potrà fare Giuseppe Vigliaturo, candidato senza avversari di Carpanzano, che con i suoi 298 abitanti è il centro più piccolo dove si voterà? Lo spumante è in frigo, ma i problemi per lui poi cominceranno da lunedì quando dovrà governare un borgo minuscolo con finanze ristrettissime. Da lui si aspetteranno miracoli e fantasia per ribaltare una situazione che mette angoscia.

Su Gazzetta del Sud online, a partire dalle 23 di domani, lo spoglio in tempo reale

Sulla Gazzetta del Sud, in edicola oggi, un ampio speciale dedicato alle amministrative. 

clicca qui per acquistare l'edizione digitale del giornale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook