Giovedì, 09 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio L’ascesa del “rampollo” cominciata nel nome del padre
COSENZA

L’ascesa del “rampollo” cominciata nel nome del padre

di
cattura boss, luigi abbruzzese, Cosenza, Calabria, Archivio
L’ascesa del “rampollo” cominciata nel nome del padre

Come il padre. Stesso ruolo e medesimo ineluttabile destino. Luigi Abbruzzese, figlio prediletto di Franco detto “dentuzzo”, ergastolano e capo della criminalità nomade dell’area settentrionale della Calabria, entra in carcere cominciando la sua avventura tra sbarre e catene come già era stato per il temuto genitore e ancor prima per il vecchio nonno e capofamiglia, Celestino. Luigino è rimasto nascosto a lungo contando sulla complicità di amici, parenti e compari, dividendosi tra la Sibaritide e la lontana Germania raggiungibile da Cassano persino in autobus mischiati ai tanti emigrati diretti a Francoforte sul Meno. Il latitante arrestato dal vicequestore Fabio Catalano che di “primule” ne aveva già snidate tante quand'era in servizio a Reggio Calabria, ha dimestichezza di galere, agguati e fughe fin da bambino: il padre, infatti, è stato nello scorso decennio più volte alla macchia e più volte è stato scovato e ammanettato prima di incassare una condanna definitiva al carcere a vita. La sua famiglia ha combattuto una ferocissima guerra di mafia quando “Luigino” era piccolo costata la vita a due suoi zii, Fioravante e Nicola Abbruzzese, massacrati dai rivali della famiglia Forastefano. Armi, bunker segreti, lutti e sangue sono stati dunque i fissi compagni di giovinezza di questo “figlio d’arte” condannato dalla sorte a fare il boss. Gl’investigatori monitorandone per mesi contatti e movimenti lo descrivono lucido e determinato, lesto a dare ordini perentori a uomini, donne e anziani che affollano le file della criminalità mafiosa sibarita. Affari, alleanze e traffici passavano da lui: una parola di “Luigino” poteva segnare per sempre la vita e le fortune di “compari”, amici degli amici e picciotti in cerca di glorie mafiose.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook