Lunedì, 16 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
FAVOREGGIAMENTO

'Nndrangheta a Cosenza, chiesto il rinvio a giudizio per il maresciallo Greco

di
'ndrangheta a cosenza, Carmine Greco, rinvio a giudizio, Carmine Greco, Cosenza, Calabria, Cronaca
Carmine Greco

I rapporti “equivoci” del maresciallo. La Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio del sottufficiale dei carabinieri forestali, Carmine Greco, 52 anni, originario di Longobucco ma residente a Cosenza, accusato di aver favorito gli imprenditori Spadafora di San Giovanni in Fiore, sospettati di mantenere rapporti con le cosche della ’ndrangheta del Cirotano.

Agli Spadafora si fa esplicito riferimento, in ordine alla gestione dei tagli boschvi nel Parco della Sila, nella maxioperazione “Stige” recentemente culminata in 80 rinvii a giudizio e 100 richieste di rito abbrevato. Greco, difeso dagli avvocati Franco Sammarco e Antonio Quintieri, comparirà davanti al gup distrettuale, Pietro Carè, il prossimo 14 febbraio.

A rappresentare la pubblica accusa ci saranno i pm Paolo Sirleo e Domenico Guarascio che gli contestano oltre al delitto di associazione mafiosa, la rivelazione di segreto istruttorio, l'omissione di atti di ufficio e il favoreggiamento aggravati dal metodo mafioso.

Leggi l’articolo completo su Gazzetta del Sud – Calabria in edicola oggi.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook