Domenica, 20 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
SANITA'

Il Pollino in rivolta per salvare l'ospedale di Castrovillari dopo il blocco dei ricoveri in Pediatria

di
ospedale castrovillari, pollino, sanità, Cosenza, Calabria, Cronaca
L'ospedale di Castrovillari

Annunciano le barricate, blocchi di strade e di ferrovie, sit in romani e scioperi della fame. È la rivolta dei paesi per il loro ospedale, l'unica struttura che il piano di rientro lacrime e sangue ha lasciato in vita nel grande comprensorio del Pollino. In testa ci sono i sindaci e intorno ci sono, soprattutto, le famiglie che stanno in mezzo alla trincea scavata per difendere il “Ferrari” di Castrovillari.

La battaglia per la sopravvivenza del presidio è adesso una sommossa di popolo condensata nella sottoscrizione di una petizione che vale come messa in mora. Da Roma a Catanzaro dovranno fare i conti con quello che accade nel Pollino. In un'ora e mezza hanno messo la firma sul documento 2.500 persone. In serata, il numero delle adesioni è raddoppiato. Una dichiarazione di guerra dopo l'annuncio del blocco dei ricoveri in Pediatria. Un crac che rischia di trascinarsi dietro il destino di altri due reparti collegati: Ginecologia e Neonatologia.

Si tratterebbe dell'arretramento più grave della sanità nell'area del Pollino, dopo la chiusura del reparto di Ortopedia-Traumatologia.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione della Calabria

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook