Lunedì, 14 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
CORAGGIO

La morsa del racket e il "gran rifiuto", il messaggio di un giovane imprenditore di Cosenza

di
cosenza, denuncia, racket, Sandro Pezzi, Cosenza, Calabria, Cronaca

La morsa del racket e il coraggio d'un giovane imprenditore. La paura delle intimidazioni e la dignità d'un cittadino che non ci sta a subire in silenzio. I messaggi dei clan e la risposta d'un lavoratore costretto a fare tutto da solo, non solo nel suo locale.

Il 25 aprile, giorno dedicato alla Liberazione dell'Italia dall'oppressione nazi-fascista, Sandro Pezzi e la sua Michela hanno augurato «una buona liberazione dalla 'ndrangheta a tutti» con un lungo post che andrebbe letto quale lezione di legalità, cittadinanza attiva e dignità.

«Una mattina come tante, due proiettili di fucile davanti al Primadì, di cui ero titolare», racconta il giovane.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Cosenza.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook