Venerdì, 20 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
SANITA'

Pochi medici negli ospedali, caos in pronto soccorso a Paola e nel comprensorio

di

Ospedali in crisi. Pochi medici, con la stagione estiva ormai alle porte che rischia di creare problemi in più direzione nel comprensorio. Una crisi che viene da lontano e coinvolge tutti i nosocomi del Tirreno cosentino e i suoi reparti ospedalieri. E in prima battuta la rete dell’emergenza. Dal 118 ai pronto soccorso.

La situazione non è affatto rosea. E anche il presidente regionale del sindacato dei medici italiani, Paolo Filice, riferisce come «le misure emergenziali per il servizio sanitario, la medicina primaria, quella dell’emergenza-urgenza, quella ospedaliera, sono in ginocchio». I medici non ce la fanno più a fronte delle mille emergenze presenti in Calabria.

Occorre pianificare il futuro della sanità, contrastando il fenomeno delle migrazioni sanitarie nelle altre regioni e a dare risposte, soprattutto alle criticità presenti nell’area del cosentino. Ne è convinto Filice: «la situazione è difficile nei pronto soccorso di Paola e Cetraro. Stiamo parlando di centri spoke. Mentre per il 118 il direttore della centrale operativa ha dovuto rimodulare le postazioni ed è in attesa che venga accettata la proposta».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook