Lunedì, 30 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, al via un progetto per tutelare il lupo silano
CARABINIERI

Cosenza, al via un progetto per tutelare il lupo silano

di

Crudele, perfido, insaziabile. Se nelle favole dei fratelli Grimm il lupo è sempre il più cattivo, nella realtà è un importante elemento dell'ecosistema naturale. Anche in Sila - la Sherwood della Calabria per dirla sempre fiabescamente - l'affascinante predatore si è portato appresso un'immagine negativa che ha fatto sì che venisse considerato una minaccia, sia per l'uomo sia per il suo bestiame.

Tuttavia il nemico da eliminare - sopravvissuto all'estinzione della seconda metà del ‘900 e alle persecuzioni umane dirette e indirette - continua a mostrare la sua resilienza, ripopolando territori e colonizzandone di nuovi.

Il canis lupus è, dunque, tornato. E per la sua tutela ha preso avvio il progetto che - presentato ieri nella sede dell'Ufficio Territoriale dei Carabinieri per la Biodiversità di Cosenza-Rende - coinvolge Legambiente ma anche gli operatori locali. Si chiama “Wolfnet Sila” e, oltre ad essere finanziato dal Parco Nazionale della Sila con i fondi della direttiva del Ministro dell'Ambiente, punta, attraverso un'attività di ricerca triennale, a tutelare la sopravvivenza della specie realizzando politiche di controllo e di compatibilità tra la convivenza della specie e le realtà urbanizzate. «Tra gli obiettivi figurano gli interventi contro il bracconaggio - spiega il commissario straordinario dell'Ente Parco Nazionale della Sila, Francesco Curcio - e le misure da intraprendere per migliorare il dialogo tra i lupi e gli allevatori».

Leggi la versione integrale dell’articolo su Gazzetta del Sud – edizione Cosenza in edicola oggi.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook