Venerdì, 20 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
CARABINIERI

Cosenza, al via un progetto per tutelare il lupo silano

di

Crudele, perfido, insaziabile. Se nelle favole dei fratelli Grimm il lupo è sempre il più cattivo, nella realtà è un importante elemento dell'ecosistema naturale. Anche in Sila - la Sherwood della Calabria per dirla sempre fiabescamente - l'affascinante predatore si è portato appresso un'immagine negativa che ha fatto sì che venisse considerato una minaccia, sia per l'uomo sia per il suo bestiame.

Tuttavia il nemico da eliminare - sopravvissuto all'estinzione della seconda metà del ‘900 e alle persecuzioni umane dirette e indirette - continua a mostrare la sua resilienza, ripopolando territori e colonizzandone di nuovi.

Il canis lupus è, dunque, tornato. E per la sua tutela ha preso avvio il progetto che - presentato ieri nella sede dell'Ufficio Territoriale dei Carabinieri per la Biodiversità di Cosenza-Rende - coinvolge Legambiente ma anche gli operatori locali. Si chiama “Wolfnet Sila” e, oltre ad essere finanziato dal Parco Nazionale della Sila con i fondi della direttiva del Ministro dell'Ambiente, punta, attraverso un'attività di ricerca triennale, a tutelare la sopravvivenza della specie realizzando politiche di controllo e di compatibilità tra la convivenza della specie e le realtà urbanizzate. «Tra gli obiettivi figurano gli interventi contro il bracconaggio - spiega il commissario straordinario dell'Ente Parco Nazionale della Sila, Francesco Curcio - e le misure da intraprendere per migliorare il dialogo tra i lupi e gli allevatori».

Leggi la versione integrale dell’articolo su Gazzetta del Sud – edizione Cosenza in edicola oggi.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook