Mercoledì, 18 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
DATI ARPACAL

Corigliano Rossano, mare inquinato a Fosso Nubrico e alla foce del Colognati

di
corigliano-rossano, dati, mare inquinato, Cosenza, Calabria, Cronaca
Mare (foto Paesionline)

Parte male la stagione turistica nel Basso Jonio cosentino. Il servizio tematico acque del dipartimento provinciale dell'Arpacal di Cosenza ha trasmesso ieri mattina ai Comuni di Corigliano Rossano, Crosia e Pietrapaola, gli esiti dei prelievi di campioni di acqua di balneazione in cui i risultati analitici hanno dato esiti sfavorevoli.

Nel dettaglio, i valori di Escherichia Coli sono superiori al consentito. Questo batterio costituisce parte integrante della normale flora intestinale dell'uomo e di altri animali. Nonostante la maggior parte dei ceppi di Escherichia coli siano innocui, ne esistono tuttavia alcuni che mettono a rischio la salute umana causando dei disturbi, ecco perché i comuni sono stati costretti a emettere delle ordinanze di divieto di balneazione nelle aree segnalate dall'Arpacal.

In base alla normativa nazionale in materia, il Comune, infatti, ricevuta la comunicazione di esito sfavorevole delle analisi, è stato tenuto a fare apporre apposita cartellonistica nei punti interessati dalle analisi, previa emissione di ordinanza sindacale che vieti temporaneamente la balneazione.

Leggi la versione integrale dell’articolo su Gazzetta del Sud – edizione Cosenza in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook