Martedì, 16 Luglio 2019
stampa
Dimensione testo
DAVANTI ALLA PREFETTURA

Cosenza, protesta del comitato "No alla metro": «Rivendichiamo le firme raccolte»

di

Torna in piazza il comitato "No alla metro, Sì al Viale". Ancora una volta, davanti al palazzo della Prefettura di Cosenza, i membri del comitato avversi all'opera, si riuniscono per ribadire a città e istituzioni che «la metro non serve». Un adagio che gli attivisti ripetono con costanza da anni e che adesso ritorna con prepotenza nell'attualità della vita politica della città dopo le intercettazioni contenute nell'inchiesta "Passeparout", condotta dalla Procura di Catanzaro e coordinata dal magistrato Nicola Gratteri.

Rivendicano forte una cosa dal comitato: le firme raccolte. Sono più di tremila e le hanno protocollate tutte a Palazzo dei Bruzi per chiedere un coinvolgimento dei cittadini sulla realizzazione dell'opera. «Ci hanno rassicurato che la dottoressa Galeone scriverà al sindaco Occhiuto per prevedere una norma che modifichi il regolamento e lo statuto comunale per quanto riguarda l'indizione dei referendum popolari». Ma in attesa della missiva, dal comune arrivano picche e lo scontro va avanti a suon di riunioni in Prefettura.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Cosenza in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook