Domenica, 20 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
SANITA'

Muore in casa ad Acri, per i medici aveva l'influenza: aperta un'inchiesta

di

Una terribile tragedia dai contorni ancora tutti da definire ha interessato Acri che, ieri mattina, incredula e sconcertata ha appreso della morte del 43 enne Marco Ritacco.

L'uomo, molto conosciuto ad Acri, si è spento nel letto della sua abitazione lunedì mattina dopo essersi recato, tra sabato e domenica, per due volte al pronto soccorso del locale presidio sanitario "Beato Angelo".

Interessato da fortissimi dolori al petto e da un senso di spossatezza, Ritacco è stato rimandato a casa con un certificato riportante "sindrome influenzale", così come ricostruito dai familiari che lo hanno accompagnato nella struttura sanitaria e lo hanno visto sofferente per diverse ore fino all'epilogo.

Ecco allora la decisione degli stessi di sporgere querela contro la struttura sanitaria perché, sono quasi certi che la morte di Marco si sarebbe potuta evitare e che pertanto ci potrebbero essere, in questa vicenda, delle precise responsabilità mediche.

Supposizione che potranno essere smentite o confermare solo dall'autopsia già predisposta sulla salma che è stata intanto trasferita presso l'ospedale Annunziata di Cosenza. A seguire la vicenda in qualità di legale dalla famiglia l'avvocato Angelo Altomari che al momento ha preferito non rilasciare dichiarazioni.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook