Martedì, 15 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Cosenza, assolto dalla Cassazione per un reato di 20 anni fa

di

Assolto dopo vent'anni. «In nome del Popolo italiano», il cinquantacinquenne Ariosto Artese è innocente. La Cassazione ha ritenuto insussistente l'accusa di usura aggravata dal metodo e dell'agevolazione mafiosa.

Un reato originariamente contestato che risaliva al 1999. Gli avvocati Paolo Pisani e Giorgio Pisani hanno detto di non potere esprimere «nessuna soddisfazione anche a causa delle innumerevoli occasioni in cui la pendenza del giudizio, ha indotto a “descrizioni” dell'imputato evidentemente inappropriate. Oggi Artese è persona libera, incensurata e priva di carichi pendenti».

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione di Cosenza

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook