Venerdì, 22 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Cosenza, la storia di Grazia: le mie interminabili notti sulla panchina di via Popilia

di
lavoro, rende, Giuseppe Brogni, Cosenza, Calabria, Cronaca
Grazia e Giuseppe Brogni

L'area urbana di Cosenza è un grande territorio, un miscuglio di lingue, di odori, di vite in cammino. I quartieri moderni con ampie strade e palazzoni nuovi e luccicanti nascondono alla vista le aree popolari fiorite in ammassi di calcestruzzo informi, nelle periferie sociali più remote, nel petto profondo di un disagio che non è più anonimo. Sono zone dove manca spesso il pane ma mai la dignità, dove migliaia di persone campano alla giornata con quel poco che riescono a portare a casa. Per sopravvivere. Per sfamarsi. Per non morire di stenti.

Da questi luoghi risalgono storie quotidiane di una umanità sempre più sofferente. Sono anziani, sono bambini, sono uomini, sono donne. Sono disperati come Grazia che, a 61 anni, per non perdere il lavoro, dorme su una panchina.

«Passo tutta la notte su una panchina, in una piazzetta di via Popilia. È l'unico modo che ho per andare a lavorare, alle 5 del mattino», ha raccontato la donna che abita a Rende e che è costretta ad uscire di casa a mezzanotte per poter lavorare.

La trama affiora dalla denuncia di Giuseppe Brogni, leader provinciale dell'Ugl cosentina.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione di Cosenza

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook