Martedì, 28 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L'agguato mortale al "reggente" della cosca Bruni di Cosenza, assolti due imputati
CORTE D'APPELLO

L'agguato mortale al "reggente" della cosca Bruni di Cosenza, assolti due imputati

di
'ndrangheta, omicidio, Francesco Patitucci, Luca Bruni, Roberto Porcaro, Cosenza, Calabria, Cronaca
Roberto Porcaro e Francesco Patitucci

La trappola mortale e la doppia assoluzione. Francesco Patitucci e Roberto Porcaro, non furono corresponsabili del tranello teso il 3 gennaio del 2012 a Luca Bruni, 38 anni, “reggente” dell'omonima cosca di Cosenza, convocato ad un appuntamento di “lavoro”, ucciso a bruciapelo e poi sepolto nelle campagne di Rende.

Lo ha stabilito la Corte di assise di appello di Catanzaro (Petrini presidente; Cosentino a latere) accogliendo le richieste degli avvocati Laura Gaetano, Luigi Gullo, Luca Acciardi, Sergio Rotundo e Marcello Manna. La condanna degli imputati era stata invocata dal sostituto procuratore generale di Catanzaro, Raffaela Sforza.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Cosenza della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook