Domenica, 23 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L'agguato a Corigliano contro l'autista del boss Longobucco compiuto con una calibro 38
'NDRANGHETA

L'agguato a Corigliano contro l'autista del boss Longobucco compiuto con una calibro 38

di

Un boss lasciato a marcire nelle acque del porto; il picciotto che lo accompagnava ingoiato dalla lupara bianca e l'autista che spesso lo aiutava a spostarsi, ferito con tre colpi di pistola calibro 38: Corigliano Rossano ripiomba nella violenza degli anni peggiori.

Domenico Russo, 37 anni, venerdì scorso ha rischiato di finire nell'altro mondo mentre sulla sua Fiat Multipla rientrava a casa. Un killer ha sparato contro il parabrezza della vettura, ferendo l'uomo con una pallottola di striscio alla testa e con altre due al torace. Russo si è salvato perché lanciandosi fuori dall'auto primna che il sicario potesse finirlo.

Il trentasettenne è stato quindi soccorso e trasferito in ospedale. I medici dell'Annuziata di Cosenza lo hanno strappato alla morte con un intervento chirurgico da manuale. Domenico Russo, privo di precedenti penali, era stato visto molte volte insieme a Pietro Longobucco, uomo della vecchia guardia della 'ndrangheta locale ammazzato nel dicembre scorso e ritrovato cadavere all'interno di un furgoncino nelle acque del porto della cittadina ionica.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione della Calabria

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook