Venerdì, 05 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus in carcere, i detenuti calabresi in sciopero della fame
ASSISTENZA SANITARIA

Coronavirus in carcere, i detenuti calabresi in sciopero della fame

di

Il primo detenuto italiano morto per coronavirus era recluso nel carcere della Dozza a Bologna. L'uomo, un siciliano di 76 anni condannato per mafia, si trovava ristretto in una sezione nella quale erano allocati anche due detenuti calabresi.

Scoperto il contagio, i suoi compagni di sezione trasferiti in isolamento in un braccio diverso del penitenziario emiliano. Secondo quanto si è appreso l'assistenza medica sarebbe molto relativa. È per questo che i reclusi hanno iniziato uno sciopero della fame e della sete sollecitando un maggiore e immediato controllo sanitario.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione Calabria. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook