Mercoledì, 27 Maggio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Acri, superficialità nella Fase 2: il sindaco richiude i locali
NUOVA ORDINANZA

Acri, superficialità nella Fase 2: il sindaco richiude i locali

di

È arrivata nella serata di venerdì una nuova e certamente inaspettata ordinanza per molti cittadini di Acri. A seguito di una serie di controlli da parte della polizia municipale sono state riscontrate determinate irregolarità da parte di alcune attività commerciali. Nello specifico, i controlli delle forze dell'ordine hanno permesso di constatare che dopo la riapertura, alcuni bar, non hanno rispettato le norme previste per i pubblici esercizi. Pertanto, alla luce di queste rilevazioni, il primo cittadino Pino Capalbo, ritenuto preminente il diritto alla salute, ha disposto l'immediata chiusura dei bar fino al prossimo 17 maggio, in attesa del nuovo Dpcm.

Un provvedimento che certamente lascia molta amarezza considerato il modo esemplare con cui la comunità aveva affrontato la fase uno della emergenza Covid-19. Proprio ai bar, pub e ristoranti che offrono il servizio da asporto, nei giorni scorsi sempre il primo cittadino aveva rammentato che non era consentito consumare nei pressi dei suddetti esercizi commerciali. Evidentemente qualcuno ha sottovalutato le ordinanze con la conseguenza che da ieri tutti, anche quelli più virtuosi e rispettosi delle regole, si sono ritrovati con le saracinesche abbassate.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione di Cosenza

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook