Venerdì, 23 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Torano non è più "zona rossa", all'Annunziata un'altra vittima del focolaio cosentino
CORONAVIRUS

Torano non è più "zona rossa", all'Annunziata un'altra vittima del focolaio cosentino

di
coronavirus, torano, zona rossa, Cosenza, Calabria, Cronaca
Villa Torano

Torano non è più "zona rossa". Lo ha comunicato la Regione Calabria riaprendo così l'ultimo Comune che era stato blindato a seguito dell'epidemia da Covid-19 che ha investito la Calabria.

Soddisfatta l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Lucio Franco Raimondo che aveva a più riprese sollecitato la " riapertura" del piccolo centro. Proprio ieri, nell'ospedale dell'Annunziata di Cosenza, è morta una donna di 94 anni che era stata degente della casa di cura "Villa Torano" dove si è sviluppato il focolaio da coronavirus non ancora spentosi.

La situazione rispetto a degenti e personale contagiati dal virus è raccontata in un report riservato trasmesso alla Regione dal direttore del Dipartimento di Prevenzione dell'Asp di Cosenza, Mario Marino.

Al momento tra i pazienti di "Villa Torano" vi sarebbero 16 positivi, 30 negativi e complessivamente 4 deceduti. Tra gli operatori della struttura, invece, i positivi sarebbero 21, i contatti a loro collegati 15 e sempre positivi mentre i negativi risulterebbero 18.

La relazione dell'Asp sarà nelle prossime ore acquisita dalla Procura di Cosenza, guidata da Mario Spagnuolo, che ha aperto un'inchiesta per epidemia ed omicidio colposo a carico del direttore sanitario e dell'amministratore della casa di cura privata. Le indagini vengono condotte dai carabinieri del Nas.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook