Giovedì, 02 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Colpo al caporalato nel Cosentino, imprenditori incastrati da un "trojan"
CASSANO

Colpo al caporalato nel Cosentino, imprenditori incastrati da un "trojan"

di

L'uso del trojan ha permesso agli inquirenti e agli uomini della Guardia di Finanza del Gruppo di Sibari di attuare tutti i riscontri e cristallizzare tutte le prove utili per definire e disarticolare la rete di caporalato che gestiva i braccianti in modo irregolare nella Piana si Sibari che si estende da Crosia a Policoro.

Il trojan è un captatore informatico inoculato solo su dispositivi elettronici portatili ed usato solo come strumento per effettuare intercettazioni ambientali utile a cristallizzare reati associativi.

L'operazione “Demetra”, scattata all'alba di mercoledì, è sta la più vasta in Italia in tema di caporalato e sfruttamento del lavoro in nero e la prima della zona in cui è stato usata un'app-spia che ha trasmesso tutti i dai in tempo reale dagli investigatori.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione Calabria. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook