Sabato, 28 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Caporalato in Calabria, nuova inchiesta sullo sfruttamento dei migranti nella Sibaritide
LE INDAGINI

Caporalato in Calabria, nuova inchiesta sullo sfruttamento dei migranti nella Sibaritide

di

Gli accertamenti degli inquirenti disposti dopo l’operazione “Demetra” contro il caporalato – le cui indagini risalgono al 2017/2018 – hanno confermato che il consolidato sistema criminoso escogitato dagli indagati è ben lungi dall'essere dismesso.

Non è un caso che siano diverse le operazioni ad essa collegate alle quali lavorando i militari della guardia di finanza del gruppo di Sibari e della tenenza di Montegiordano, i principali reparti che si occupano della lotta al caporalato nella Sibaritide. Da fonti vicine agli investigatori emerge come ci sia anche un fascicolo aperto sulla protesta scoppiata a fine aprile nel piazzale antistante le poste cittadine.

Circa una cinquantina di africani di diverse etnie (ghanesi, nigeriani, gambiani e senegalesi) decisero di dire basta ai soprusi e protestare. Si scagliarono contro i caporali e contro il sistema denunciando tutto ai sindacati e ai carabinieri per far valere le loro ragioni. Con nomi e prove.

Quest'anno le cose sono peggiorate. Dopo l’arrivo del Coronavirus per loro le cose sono cambiate in peggio. I caporali gli hanno imposto nuove regole al ribasso: 25 euro al giorno senza contratto. «Molti di noi – dicono ancora – vivono a casa con questi pakistani, siamo venti in casa. Abbiamo un solo bagno senza le condizioni igieniche minime. Ora non ce la facciamo più ed è tempo di lottare per una giusta causa perché non siamo ladri e non vendiamo droga, siamo qui per lavorare e costruire il futuro delle nostre famiglie».

E mentre in tv l’eco del presidente del Consiglio Giuseppe Conte raccontava – in pieno lockdown – di mantenere il distanziamento sociale per i prossimi giorni, loro ai carabinieri mostrano come siano costretti a viaggiare in dieci in una macchina da sei posti o in una ventina in un furgoncino che di posti ne conterrebbe soltanto la metà.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook