Lunedì, 19 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L'omicidio a Belvedere, la fede sottratta alla vittima venduta poche ore dopo il delitto
LE INDAGINI

L'omicidio a Belvedere, la fede sottratta alla vittima venduta poche ore dopo il delitto

di

Una fede venduta in un Compro Oro e poi la comparazione con le tracce biologiche. Per i Ris di Messina non ci sono dubbi: quella fede apparteneva ad Aneliya Dimova, la 55enne bulgara che lo scorso 30 agosto è stata trovata con il cranio fracassato nella sua casa di Belvedere Marittimo.

Ed è stato lo stesso Andrea Giuseppe Renda - il 32enne fermato nella notte tra giovedì e venerdì perché accusato di essere il presunto assassino - ad averla venduta in quel negozio.

In questo caso sono state le immagini delle telecamere di videosorveglianza del negozio a inquadrarlo e a dimostrare - nei giorni successivi - che quella immagine corrisponde al giovane disoccupato sono le ricostruzioni dattiloscopiche: dalla comparazione delle foto è Giuseppe Renda.

L'articolo completo nell'edizione odierna della Calabria della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook