Martedì, 20 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L'accordo tra le 'ndrine per la droga, la Sibaritide centrale dello spaccio internazionale
OPERAZIONE "KARABURUN"

L'accordo tra le 'ndrine per la droga, la Sibaritide centrale dello spaccio internazionale

di

Un grande accordo regnava tra i capi delle ‘ndrine calabresi. La pax mafiosa doveva servire a inondare di droga tutta l’Italia e, in particolare, la Calabria. Gli stupefacenti arrivavano nella Sibaritide e a farla da padrone sarebbero proprio le cosche locali. Emerge questo dall’operazione Karaburun.

L’inchiesta era stata coordinata da Salvatore Curcio (attuale procuratore capo di Lamezia Terme e all’epoca pm dell’antimafia applicato sulla Sibaritide) e Domenico Guarascio (pm della Dda) che ha firmato l’avviso di conclusione delle indagini insieme al collega Alessandro Riello inviando l’avviso di garanzia a 237 indagati divisi tra italiani e albanesi. Dalle maglie dell’inchiesta emerge anche la geografia con tanto di nomi di chi gestiva la compravendita e lo spaccio di droga per conto delle ‘ndrine coinvolte nel traffico internazionale di stupefacenti.

A Cassano comandava Francesco Abbruzzese “Dentuzzo”, Giovanni Guidi a Corigliano, Antonio Angelo Pelle a San Luca e Roma, Massimo Albanese a Massafra, Franco Pietro a Caserta a Catania, i fratelli Edmond e Alfred Beqiri e Ndue Sokoli erano da supporto nella Sibaritide e Jahi Abdul a San Luca e nel territorio nazionale; Mentre Prine Dobroshi e Arben Velikp aiutavano lo smercio sul territorio nazionale mentre Mareglen Halka e Kaplianaj Fathbard facevano da referenti per Massafra, Catania, Bari e Pordenone.

Ma Karaburun, i cui i reati contestati sarebbero stati commessi tra il 2001 e il 2008, prende il nome dalla regione dell’Albania allora crocevia delle principali rotte spaccio dell’Adriatico doveva servire a mettere in risalto quella che nei primi anni del Duemila doveva essere la “terza ‘ndrina” (albanese) ad agire nella Sibaritide mentre tra Zingari e Forastefano (clan messo in ginocchio tra il 2007 e il 2008 con le operazioni “Omnia” e “Omnia 2”) veniva combattuta una sanguinosa faida.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook