Giovedì, 26 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Altomonte, ignoti tentano di rubare 1350 kg di rame da un impianto fotovoltaico
COSENZA

Altomonte, ignoti tentano di rubare 1350 kg di rame da un impianto fotovoltaico

A seguito dei diversi tentativi di furto di pannelli solari e cavi di rame, perpetrati all’interno degli impianti fotovoltaici di un'azienda di Altomonte, il commissariato di Castrovillari ha posto in essere nei giorni scorsi mirati servizi di prevenzione e controllo del territorio, tesi a prevenire i furti di rame e all’eventuale recupero della refurtiva di metallo prezioso.

Durante i servizi di appostamento si accertava che ignoti, muniti di lampade portatili, nel corso della notte tra il 20 e 21 ottobre scorsi, si erano introdotti all’interno dell’ampio campo fotovoltaico, interamente recintato.
Successivamente giungeva sul posto a forte velocità ed a luci spente, un fuoristrada di colore scuro, per cui si faceva convergere, per le ricerche, rintraccio e chiusura varchi altro personale di Polizia. Dalla perlustrazione perimetrale del campo fotovoltaico, si notava il suddetto fuoristrada fermo, a luci e motore spento, con nessuno a bordo, in quanto i malviventi si erano dati a precipitosa fuga.

All’interno del fuoristrada, un Land Rover Discovery con targhe contraffatte, vi era una grande quantità di rame, già perfettamente arrotolata; mentre nel cofano posteriore vi erano altri cavi e diversi attrezzi atti allo scasso.
Inoltre veniva rinvenuto, distribuito su tutto il perimetro, altro materiale elettrico, estratto e prelevato dai pozzetti del sito con mezzi idonei (quali cinghia da traino in cordura, con moschettone in acciaio - peso portata 2 tonnellate, ed un paranco con catena) nonché un borsone contenete attrezzi ed arnesi atti allo scasso e due apparecchiature ricetrasmittenti .
Questo il materiale sottoposto a sequestro: Autovettura Land Rover Discovery; Targhe anteriore e posteriore originariamente abbinate ad altro veicolo; 95 matasse/spezzoni di rame del diametro di 1,7 cm e della lunghezza di mt.12; due leverini da disarco (piedi di porco); una cinghia traino; un paranco con catena e marchi abrasi; due Walkie- Talkie.

Solo grazie alla tempestiva operatività del personale intervenuto, i malviventi non sono riusciti ad asportare una quantità considerevole di pannelli fotovoltaici e di rame. Il peso totale del materiale prezioso, sottoposto a sequestro penale, veniva quantificato per oltre 1350 kg di rame, per una lunghezza dei cavi pari a metri 1150, con un danno arrecato di circa 150.000 euro. Dell’attività tuttora in corso veniva informato il Pm di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Castrovillari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook