Lunedì, 20 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus killer a Cosenza, 15 vittime in 3 giorni
I NUMERI

Coronavirus killer a Cosenza, 15 vittime in 3 giorni

di
Devastante il bilancio in questo inizio di dicembre. Fortunatamente, l’occupazione ospedaliera è in lieve calo
coronavirus, cosenza, morti, Cosenza, Cronaca
Un reparto di terapia intensiva per gli ammalati di coronavirus

Il virus continua a scavare cicatrici nei fianchi di questo nostro mondo sottosopra, una terra di mezzo, sospesa tra la vita e la morte. Dentro e fuori gli ospedali, dentro e fuori le città, i paesi, le contrade. Quel morbo con dolore e sofferenza porta anche una difficile ripresa. E porta la morte. Il Covid fa male a chi lo incontra, a chi lo sfiora, a chi si affaccia davanti ai macchinari delle terapie intensive per sentire il respiro sfumato dentro quei corpi consumati da giorni di malattia e solitudine nelle corsie. Non ci sono figli accanto, non ci sono mogli, parenti o amici in quelle stanze. C’è solo il patogeno che si fa sentire con dolori atroci mentre accorcia le vite. E, allora, quei disperati s’aggrappano a medici, infermieri e operatori sociosanitari che diventano padri, fratelli e figli in quelle ore di rassegnazione. Nell’ospedale la morte è silenziosa, arriva all’improvviso. In Rianimazione lo anticipa quel suono che diventa colonna sonora della tragedia. Ogni volta è così, i medici corrono ma è una corsa inutile. Come è successo altre sei volte ieri tra area critica e degenza. Sei decessi (1 in Rianimazione, 1 in pronto soccorso e 4 in reparto) che nutrono una statistica impressionante, un quadro drammatico dopo la svolta di novembre.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook