Mercoledì, 01 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, la vedova aggredì il presunto assassino a Vaglio Lise
LA SVOLTA

Cosenza, la vedova aggredì il presunto assassino a Vaglio Lise

di
Secondo le indagini Antonio Chianello, 30 anni, di Paola, sarebbe il responsabile della morte del tassista 53enne Antonio Dodaro
cosenza, omicidio, vaglio lise, antonio chianello, Antonio Dodaro, Cosenza, Cronaca
Antonio Chianello arrestato a Cosenza per l'omicidio Dodaro

La svolta nelle indagini sulla morte, avvenuta il 13 gennaio dello scorso anno, del tassista 53enne arrivò l’11 di novembre. Quel giorno, nella stazione di Vaglio Lise, la vedova di Antonio Dodaro ferì con una limetta per unghie Antonio Chianello, di 35 anni, di Paola. Un presumibile tentativo di vendetta che andò a sommarsi a una serie d’indizi – tra i quali alcune tracce di sangue – che gli agenti della Squadra mobile avevano già raccolto nel corso delle indagini coordinate dal vicequestore Fabio Catalano. A Chianello, ieri mattina, i poliziotti – diretti dal questore Giovanna Petrocca – hanno notificato la misura cautelare dell’arresto in carcere con l’accusa di omicidio aggravato dai futili motivi. Il giovane africano era solo un invenzione. Non è stato un extracomunitario di colore ad aggredire, il 7 gennaio, Antonio Dodaro. Le indagini degli agenti della Squadra mobile sono andate in altra direzione. Incomprensibili, al momento, i motivi che avrebbero spinto Dodaro a coprire, con la strana versione del ferimento, per mano dell’extracomunitario di colore, il trentenne di Paola. C’è voluto un anno e una meticolosa attività d’indagine per scrivere a grandi linee la trama della vicenda. La storia dell’uomo nero che aggredisce e scappa per non pagare la corsa, ai poliziotti era sembrata inverosimile sin dall’inizio.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook