Domenica, 26 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Terme Luigiane, i sindaci di Acquappesa e Guardia Piemontese: no all’incontro in prefettura
LA VERTENZA

Terme Luigiane, i sindaci di Acquappesa e Guardia Piemontese: no all’incontro in prefettura

«Dalla Cisl offese e strumentalizzazioni. Il vaso è colmo. Con le prove di forza non si va da nessuna parte»
acquappesa, guardia piemontese, terme luigiane, vertenza, Francesco Tripicchio, Vincenzo Rocchetti, Cosenza, Cronaca
La struttura delle Terme Luigiane vista dall'alto

«È arrivato il momento di finirla con le strumentalizzazioni e con le prove di forza, che mai ci saremmo aspettati da una sigla sindacale. Lo stesso sindacato, che non può permettersi il lusso di offendere delle Amministrazioni comunali e né di trascinare, nessuno ed alcunché, in Prefettura o altrove». Lo hanno affermato, in una nota, i sindaci di Acquappesa, Francesco Tripicchio, e di Guardia Piemontese, Vincenzo Rocchetti, in merito alla vertenza delle Terme Luigiane. I due primi cittadini hanno anche spiegato il perché di questa presa di posizione.

«Chiariamo subito, che l’incontro - hanno proseguito - previsto per il 2 febbraio, in Prefettura, era frutto di un invito, a noi rivolto, da Sua Eccellenza il Prefetto. Un incontro a cui avrebbe partecipato anche la Cisl, finalizzato a chiarire, una volta per tutte, le intenzioni, delle nostre Amministrazioni comunali, di procedere nell'iter già avviato, in aggiunta a tutte le tutele possibili per i lavoratori, nel pieno rispetto delle vigenti normative. Sgombrando, quindi, il campo, da ogni strumentalizzazione che potesse lasciar pensare ad un nostro disinteresse verso i lavoratori stessi. Nessun trascinamento, quindi. Noi sindaci, avevamo infatti dato la nostra disponibilità all’incontro in Prefettura, oltre che per i motivi appena espressi, anche e soprattutto per il rispetto istituzionale che si deve alla Prefettura. Alla luce di quanto dichiarato, sulla stampa, dalla Cisl, è invece evidente - secondo Tripicchio e Rocchetti - che non siamo più disposti ad accettare simili offese e strumentalizzazioni. Pertanto, come già comunicato ai competenti uffici della Prefettura stessa, non prenderemo più parte all'incontro del 2 febbraio, ritirando, di fatto, la nostra disponibilità».

«La delicata fase in atto, dovrebbe consigliare l’assunzione di atteggiamenti aperti al confronto, in particolar modo dinanzi a due Amministrazioni comunali, che non stanno facendo altro che tutelare gli interessi delle rispettive comunità e dei territori, nel pieno rispetto delle leggi. Nel contempo, confermiamo - hanno concluso - la nostra ferma intenzione di difendere l’aspetto occupazionale posto in essere, ma non possiamo più tollerare offese e strumentalizzazioni verso delle istituzioni democratiche, elette dal popolo. Pensiamo che a tutto ci sia un limite e, prendendo atto dell’atteggiamento assunto dalla Cisl, i limiti, che sono stati superati, sono ormai tanti e troppi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook