Domenica, 19 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus, Di Natale: emergenza nell'emergenza a Cosenza. Mancano i posti letto
SANITÀ

Coronavirus, Di Natale: emergenza nell'emergenza a Cosenza. Mancano i posti letto

L'ultimatum: 48 ore per la Terapia Intensiva a Paola o sarà nuova protesta
mancano posti letto, ospedale annunziata, Graziano Di Natale, Cosenza, Cronaca
Ospedale Annunziata di Cosenza

«Quindici pazienti positivi al SARS-CoV2 all'ospedale civile dell'Annunziata di Cosenza, sei dei quali hanno trascorso la notte nella tenda e ben undici in uno stanzone perché mancano i posti letto. È questo il desolante, allarmante e vilente quadro scaturito da un sistema sanitario-gestionale al collasso, mentre gli ospedali restano chiusi e i reparti allestiti non aprono». È l'ennesima, clamorosa, denuncia del Segretario-Questore dell'assemblea regionale calabrese, Graziano Di Natale, che prosegue: «Nelle ultime ventiquattro ore ho avuto modo di ascoltare il grido disperato di alcuni addetti ai lavori, e di tantissimi cittadini mortificati. Il mio appello, non è stato recepito dalla Giunta Regionale. Da Marzo 2020 sto proponendo soluzioni attuabili e sicure quali la riapertura degli ospedali chiusi per sopperire alla mancanza dei posti letto, e lo sblocco dei concorsi al fine di reperire nuovo personale sanitario». Il vicepresidente della commissione regionale contro la 'ndrangheta critica la scelta dell'ospedale da campo: «Sebbene sia costato milioni di euro, che potevano essere spesi per riaprire le strutture esistenti, è stato dapprima quasi inutilizzato, poi convertito in sede vaccinale. Perché? Nessuno aveva previsto un possibile aumento dei casi in Calabria con conseguente incremento dei ricoveri? Questa gestione dell'emergenza, da parte della Regione, è fallimentare e a pagarne le scelte siamo noi».

Di Natale interviene sullo "strano caso" del reparto della Terapia Intensiva all'ospedale San Francesco di Paola. «Non rinuncio alla mia dignità. Sono fortemente convinto di rappresentare degnamente i Calabresi incanalando la loro rabbia. Non voglio avere sulla coscienza il peso del rimorso di non aver fatto tutto il possibile per tentare di salvare vite umane. Se non dovessero aprire i quattro posti di terapia intensiva dell’Ospedale di Paola, entro 48 ore, sono pronto a nuove forme di protesta. Erano state fornite rassicurazioni, messo nero su bianco, ma ogni qualvolta viene garantito dall'Azienda Sanitaria Provinciale il famigerato "Start" qualcosa si inceppa. La verità è che regna il caos. Sia ben chiaro -conclude Di Natale- che il reparto è costato oltre 400 mila euro di soldi pubblici ed è stata autorizzata l'attivazione. Sono pronto ad andare fino in fondo e non escludo azioni eclatanti oltre a possibili risvolti legali. Dispiace esser da solo in questa battaglia dato che nessun Consigliere regionale pare abbia avere a cuore le sorti della Terapia Intensiva a Paola, ma ho la fortuna di avere il sostegno di migliaia di cittadini e di molti amministratori al di là del colore politico. Andrò avanti. Non rinuncio a lottare per i nostri figli e per i più deboli. Senza paura solo coraggio».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook