Domenica, 11 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus Cosenza, il dramma nel dramma: vita dura per gli infermieri
LO SFOGO

Coronavirus Cosenza, il dramma nel dramma: vita dura per gli infermieri

La denuncia dell'Usb: “Gli straordinari e i turni aggiuntivi, già maturati, non vengono retribuiti, così come non sono mai state elargite le cosiddette indennità Covid”

La situazione che, da ormai oltre un anno, vivono gli infermieri dipendenti dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza è drammatica e non più sopportabile. «Le ataviche carenze di personale producono un enorme sovraccarico nei confronti dei lavoratori in servizio», affermano i rappresentanti dell'Usb Cosenza, «costretti a svolgere, pur di garantire le cure ai pazienti, turni massacranti ben più lunghi di quelli previsti dal contratto nazionale di riferimento. Gli straordinari e i turni aggiuntivi, già maturati, non vengono retribuiti, così come non sono mai state elargite le cosiddette "indennità covid", ci chiediamo questi fondi, arrivati dal Governo nelle casse dell’azienda, che fine abbiano fatto. Per quale motivo solo in Calabria non sono stati ancora accreditati agli infermieri? Inoltre, all’interno delle strutture sanitarie pubbliche, in particolar modo all’ospedale civile dell’Annunziata, le condizioni di emergenza stanno mettendo a repentaglio la salute del personale stesso. Sono, infatti, decine i dipendenti che contraggono il virus Covid - 19 durante l’orario di lavoro. Sulla sicurezza sono necessarie misure mirate e immediate, i lavoratori non sono carne da macello. Le difficili condizioni degli infermieri sono sotto gli occhi di tutti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook