Domenica, 09 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Centinaia di migranti sfruttati nei campi: svelato il peso del “caporalato” nella Sibaritide
L'OPERAZIONE

Centinaia di migranti sfruttati nei campi: svelato il peso del “caporalato” nella Sibaritide

di
Nell’area compresa tra Cassano e Corigliano Rossano centinaia di migranti sfruttati nei campi

Da tempo si assiste, nel cosentino, allo sfruttamento di manovali nei luoghi di lavoro (il cosiddetto capolarato). Ne è ulteriore conferma una complessa operazione della Guardia di finanza, denominata “Demetra”, conclusa il 10 giugno 2020, che ha coinvolto 60 persone, tutte indagate per associazione per delinquere finalizzata all’intermediazione illecita e allo sfruttamento del lavoro, nonché al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Le indagini sono state originate da un controllo effettuato a Montegiordano dalla Guardia di Finanza di Sibari nei confronti di un furgone proveniente dalla zona della Sibaritide, che trasportava sette braccianti agricoli. Le successive indagini hanno consentito di identificare numerosi soggetti sia italiani, che pakistani, maghrebini e dell’Est Europa, che avevano avviato un’attività di sfruttamento illecito della manodopera nella Piana di Sibari.

Di conseguenza, sono state sottoposte a sequestro 14 aziende agricole, delle quali 12 in Basilicata e 2 a Cosenza, per un valore stimato di otto milioni di euro. Sono stati, inoltre, sottoposti a sequestro 20 automezzi utilizzati per il trasporto dei braccianti agricoli.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud -  Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook