Lunedì, 21 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Corigliano, beccato in piazza con la droga e tenta di fuggire. In manette un 20enne
L'ARRESTO

Corigliano, beccato in piazza con la droga e tenta di fuggire. In manette un 20enne

I carabinieri della compagnia di Corigliano Calabro hanno tratto in arresto per le ipotesi di reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, un 20enne del posto.
I fatti raccontano che i militari ausonici transitando nella centralissima Piazza Salotto, notassero un gruppetto di giovani nascosto in un angolo della strada e fra questi riconoscessero un giovane pregiudicato del posto. Decidevano, quindi, di procedere ad un controllo appiedato, ma non appena il 20enne si accorgeva di ciò, iniziava a fuggire. Uno dei due Carabinieri si poneva all’inseguimento del fuggitivo, mentre l’altro tornava sull’autovettura di servizio ed in continuo contatto radio, riusciva a seguire la direzione di fuga.

Dopo circa 1 km di inseguimento a piedi, il ragazzo, pensando di non essere visto, gettava in una fioriera pubblica degli involucri e continuava la sua fuga. Nel frattempo veniva raggiunto anche dall’altro militare, ma anziché fermarsi, riusciva a divincolarsi dalla presa, facendo cadere a terra uno dei Carabinieri. L’inseguimento a piedi riprendeva e grazie anche alla collaborazione di alcuni cittadini, l’altro militare raggiungeva e riusciva ad ammanettare il fuggitivo, con non poca difficoltà. Veniva anche recuperato l’involucro che era stato gettato dal ragazzo, al cui interno si scoprivano esserci diverse dosi di sostanza stupefacente del tipo marijuana e tre dosi del tipo hashish, tutte già pronte per la vendita. La perquisizione continuava anche sul fermato e sortiva esito positivo, poiché veniva rinvenuto nel giubbotto materiale per il confezionamento della sostanza stupefacente e ben tre cellulari. Sia la droga che tutto il materiale veniva sottoposto a sequestro penale, anche al fine di analizzare il contenuto dei cellulari usati dal giovane.

I militari, invece, dovevano ricorrere alle cure del caso per le lesioni riportate. Per il 20enne, considerate le diverse tipologie di stupefacente rinvenute e la condotta tenuta per sottrarsi al fermo, d’intesa con la Procura della Repubblica di Castrovillari, scattavano le manette e dovrà comparire davanti il Tribunale per rispondere dei gravi reati contestati.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook