Domenica, 17 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca La "mafia della terra" nella Sibaridite, la procura chiude il cerchio sull'inchiesta "Kossa"
SQUADRA MOBILE

La "mafia della terra" nella Sibaridite, la procura chiude il cerchio sull'inchiesta "Kossa"

di
Tra i principali indagati nell'inchiesta figurano: Pasquale Forastefano, detto “l’animale” e reggente della omonima famiglia mafiosa cassanese e Domenico Massa, suo fidato “consigliori”
Cosenza, Cronaca
Pasquale Forastefano

La "mafia della terra". La procura distrettuale di Catanzaro, guidata da Nicola Gratteri, ha chiuso l'inchiesta "Kossa" che ricostruisce le ingerenze e il dominio delle cosche della 'ndrangheta nel mondo rurale e nell'economia agricola della ricca e fertile Piana di Sibari. L'indagine condotta dalla Mobile di Cosenza sotto il coordinamento del procuratore aggiunto Vincenzo Capomolla e del pm antimafia Alessandro Riello, aveva portato il 16 febbraio scorso all'arresto di 17 persone.

Tra i principali indagati nell'inchiesta figurano: Pasquale Forastefano, 34 anni, detto “l’animale” e reggente della omonima famiglia mafiosa cassanese; Domenico Massa, 44, suo fidato “consigliori”, di San Lorenzo del Vallo; Luca Talarico, 36, imprenditore agricolo di Spezzano Albanese; Stefano Bevilacqua, 36, genero del boss ergastolano di Cassano Franco Abbruzzese detto “Dentuzzo"

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook