Sabato, 19 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Corruzione a Scalea”, il pm chiede la condanna a due anni
INCHIESTA RE NUDO

Corruzione a Scalea”, il pm chiede la condanna a due anni

di
Scalea, discusso il rito abbreviato
inchiesta re nudo, Francesca Amoroso, Cosenza, Cronaca
Il tribunale di Paola

Si avvia verso la conclusione l’udienza preliminare dell’inchiesta “Re Nudo”. Ieri mattina, infatti, il Gup del Tribunale di Paola ha discusso la posizione dell’unica indagata che ha scelto il rito abbreviato. Si tratta dell’assessore comunale di Diamante, Francesca Amoroso. Nei suoi confronti il pubblico ministero Maria Francesca Cerchiara ha chiesto la condanna a 2 anni e 4 mesi. I difensori (gli avvocati Natalia Branda e Nicola Carratelli) hanno respinto le accuse e hanno dimostrato la totale estraneità ai fatti contestati tanto da scegliere il rito abbreviato in modo che il Giudice entri nel merito. Il Gup si è riservato la decisione a domani quando si pronuncerà anche nei confronti di tutti gli altri indagati che, invece, hanno scelto l’ordinario e nei confronti dei quali il Giudice per l’udienza preliminare dovrà decidere se rinviarli a giudizio o optare per un proscioglimento. Si tratta dell’inchiesta con la quale la Procura di Paola (guidata da Pierpaolo Bruni) ha ipotizzato l’esistenza di un complesso sistema corruttivo che ruotava attorno all’ex sindaco di Scalea Mario Russo, all’epoca dei fatti presidente della Commissione invalidità di Diamante dell’Asp.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook