Venerdì, 17 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cassano, la riapertura della discarica fa scattare la protesta

Cassano, la riapertura della discarica fa scattare la protesta

di
Il Comitato degli agricoltori contesta l’accordo tra il Comune e la Regione per il conferimento di altri rifiuti

L’accordo tra Regione e Comune per il conferimento di altri 9mila metri cubi di rifiuti nella prima buca della discarica di contrada “La Silva” è irricevibile. Il comitato degli agricoltori boccia senza appello il documento sottoscritto dal sindaco Gianni Papasso e dall'assessore regionale all'Ambiente, Sergio De Caprio. Sotto la lente finisce proprio l'abbanco di altri circa 10mila metri cubi di rifiuti presso la discarica per il livellamento della prima buca. Un accordo «irricevibile» per il comitato. «Rifiutiamo, in quanto unici tutori del nostro ecosistema, un accordo capestro stipulato sulla pelle di chi in questi luoghi vive e lavora. Non possono sempre essere i cittadini – scrivono in una nota i rappresentanti del comitato – a pagare per l'incapacità, per la totale mancanza di visione e per l'inefficienza strutturale di un sistema di potere che nel corso degli anni, indipendentemente dal colore politico, ha pensato solo a consolidare se stesso e i propri privilegi». Gli attivisti ricordano che il primo cittadino in merito all'ordinanza del presidente facente funzioni della Regione Calabria, Antonino Spirlì, che prevede «di continuare a inondare di rifiuti questo martoriato comune con la riapertura della prima buca, ha dichiarato in prima battuta di non esserne a conoscenza.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook