Martedì, 31 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Emergenza sanitaria Cosenza, le altre patologie ordinarie tornano in coda
CORONAVIRUS

Emergenza sanitaria Cosenza, le altre patologie ordinarie tornano in coda

di
Lunedì ad Acri non verrà aperto lungodegenza per fare spazio all’emergenza sanitaria
acri, coronavirus, cosenza, Cosenza, Cronaca
Sosta selvaggia all'Annunziata di Cosenza

Le disposizioni della Regione sono tradotte dalle Asp nella chiusura di reparti ordinari per aggiungere letti da destinare ai pazienti covid che continuano ad aumentare col numero delle diagnosi. Vasi comunicanti che dovrebbero garantire un tasso di occupazione entro i limiti ma che non alterano la sofferenza dei presidi sanitari dove si spogliano altari per vestirne altri ma si resta sempre in regime operativo di emergenza, status che si riflette in livelli di assistenza sanitaria da bollino nero.

Centro covid ad Acri

L’esempio arriva da Acri dove da lunedì (non sarà aperto il reparto di lungodegenza) riapriranno le corsie ai pazienti covid non gravi in arrivo da Cosenza. La coperta, però, è corta e il personale è stato aggregato dal Pronto soccorso per coprire i turni. L’avanguardia dell’assistenza sanitaria del “Beato Angelo” si ritroverà a gestire lo stesso numero di accessi con un organico dimezzato di medici e infermieri (senza considerare che il servizio di guardia medica continua a funzionare, come in altri centri dell’area urbana, a singhiozzo per l’impossibilità di reperire “camici bianchi”).

Leggi larticolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook