Sabato, 23 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ambulanza con la batteria scarica a Corigliano! Parenti del ferito costretti a spingere per farla ripartire
IL CASO

Ambulanza con la batteria scarica a Corigliano! Parenti del ferito costretti a spingere per farla ripartire

di
Ennesima débâcle del servizio d’emergenza

A spasso senza medico a bordo e con la batteria scarica. L’assenza di un medico è una prassi ormai comune per tutte le ambulanze del 118 chiamate ad intervenire in caso di bisogno, le quali arrivano con l’autista al volante (certo una figura senza la quale non si può arrivare a destinazione) e un infermiere. È tutto qua il “corredo” dei soccorsi nei casi di conclamata emergenza nel territorio del comune unico, dove cresce il distacco tra istituzioni e cittadini, troppo spesso obbligati a fare i conti con piccole e grandi tragedie. Spesso anche un piccolo incidente può avere risvolti tragici e pericolosi, in tutti, gravi o no, la fiducia viene riposta tutta nei sanitari chiamati in soccorso. E sono stati chiamati anche qualche sera fa, per un incidente stradale avvenuto su via Enrico Berlinguer nel pieno centro abitato dello Scalo di Corigliano. Un lungo stradone particolarmente trafficato, sul quale, mentre transitavano, due mezzi si sono scontrati. Un impatto tra una moto e un’auto, con il giovane centauro caduto rovinosamente a terra e il guidatore ansante per lo spavento.

Contusioni varie e graffi sanguinolenti per l’impatto con l’asfalto sul quale, il motociclista, è scivolato per diversi metri. Sul posto sono stati chiamati ad intervenire, naturalmente, il 118 e i carabinieri della compagnia locale. L’ambulanza giunta con il solito duo, infermiere e autista, ma niente medico. Al primo il compito di prestare soccorso al giovane e di adoperarsi per posarlo sulla barella e partire alla volta dell’ospedale Giannettasio di Rossano, dove è rimasto appena un giorno sotto osservazione. Ma al momento di ripartire, la chiave inserita nel quadro girava a vuoto, con appena il ronzio del motore che però non si avviava. Insomma il mezzo era in panne, a causa della batteria scarica e Accorsi alcuni familiari delle persone coinvolte si sono dovute prestare con gli appositi cavi per far ripartire il mezzo. Operazione che ha necessitato anche di una spinta, letteralmente.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook