Sabato, 23 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, Letta boccia il commissariamento della sanità
LA DICHIARAZIONE

Cosenza, Letta boccia il commissariamento della sanità

di
Il leader del Partito democratico definisce uno «scempio» la gestione sanitaria nella regione e promette una svolta

Un legame antico e forte. Enrico Letta, di scena a Cosenza per sostenere la candidatura a sindaco di Franz Caruso, che corre per il centrosinistra, cita il suo maestro, Beniamino Andreatta, per ricordare quanto la Calabria sia presente nella sua vita. «È stato lui a fondare l’Università della Calabria, questo gioiello accademico, del quale più volte sono stato ospite. Nei giorni scorsi, io, Draghi e Prodi ci siamo ritrovati insieme, tutti e tre suo ex allievi e nell’occasione abbiamo ricordato uno dei suoi insegnamenti. Andreatta diceva che “le cose vanno fatte non per inseguire la popolarità ma perché è giusto farle!”. Ed è questo il senso del nostro impegno politico in questa regione».
Il segretario del Pd, rimarcando l’importanza e il valore delle candidature di Amalia Bruni alla Regione e di Caruso al Comune di Cosenza, ha invitato gli indecisi a votare. «Non vi promettiamo la luna ma ci impegnamo a parlare il linguaggio della verità per risolvere le questioni che contano in questo territorio». E, subito dopo, l’affondo: «Noi abbiamo scelto di dire ai calabresi che il commissariamento della sanità deve finire. Basta con questo scempio, basta con i calabresi costretti a fare il turismo sanitario». Le elezioni in Calabria hanno per Enrico Letta una «importanza nazionale» e rappresentano l’occasione per garantire «una alternativa alla destra di Meloni, Salvini e Spirlì. E l’unica alternativa» ha rimarcata «siamo noi». Quindi la bordata contro quanti hanno promosso altre candidature nel centrosinistra - tra questi l’ex governatore Oliverio - sia a livello regionale che comunale. «Se ci facciamo prendere la mano» ha detto «da piccole ambizioni personali, frammentandoci, favoriamo la destra». Per il leader del Pd l’appuntamento con le urne è rilevantissimo perchè il quadro sta cambiando e c’è un ritorno a una sorta di bipolarismo: «Da un lato ci siamo noi riformisti, progressisti, solidali, democratici e, dall’altro, la destra nazionalista e populista. È un momento importante per scegliere da che parte stare».

L'articolo integrale potete leggerlo nell'edizione cartacea – Calabria

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook