Domenica, 28 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Uccise la compagna a Roveredo, infermiere rinviato a giudizio
LA DECISIONE

Uccise la compagna a Roveredo, infermiere rinviato a giudizio

Cosenza, Cronaca
La polizia davanti all'abitazione dove è avvenuto il femminicidio, a Roveredo in Piano, in provincia di Pordenone

Giuseppe Mario Forciniti, l’infermiere di 34 anni che, nel novembre dello scorso anno, a Roveredo in Piano (Pordenone), ha ucciso con venti coltellate la compagna, Aurelia Laurenti, di 32 anni, è stato rinviato a giudizio. Il processo sarà celebrato il 15 novembre, in Corte d’assise a Udine, per le accuse di omicidio volontario aggravato perché commesso contro una persona stabilmente convivente. La famiglia della vittima, per il tramite dell’avvocato Antonio Malatta, si è costituita parte civile. Ai genitori della donna, poche settimane dopo il femminicidio, erano anche stati affidati i due bambini rimasti orfani in tenera età della mamma e con il padre in carcere. La difesa dell’uomo, reo confesso, sostenuta dall’avvocato Ernesto De Toni, ha richiesto il giudizio abbreviato e la sostituzione della misura cautelare della custodia in carcere con gli arresti domiciliari, con braccialetto elettronico, in Calabria, a casa dei genitori. L'inferiere, infatti, è originario di Cosenza. Entrambe le istanze sono state rigettate.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook