Giovedì, 09 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, caso Bergamini: le cosche estranee alla morte del centrocampista rossoblù
LE RIVELAZIONI

Cosenza, caso Bergamini: le cosche estranee alla morte del centrocampista rossoblù

di
Le confessioni rese ai pubblici ministeri dai pentiti Pino, Garofalo, Vitelli e Belmonte
collaboratori giustizia, rivelazioni, denis bergamini, Cosenza, Cronaca

Nessun ordine di morte partì dal “tribunale” della ‘ndrangheta: parola di capobastone. Non furono i boss di Cosenza e Rende a ordinare la eliminazione di Denis Bergamini. La tragica fine del calciatore, al contrario, incuriosì pesci piccoli e grandi delle cosche che cercarono di capire cosa fosse accaduto sulla Statale 106 ionica. È quanto hanno rivelato ai magistrati inquirenti i collaboratori di giustizia Franco Pino, Franco Garofalo, Peppino Vitelli e Nicola Belmonte. Nessuno, tra boss e picciotti, aveva alcun interesse, infatti, a far fuori l’atleta rossoblu. L’ex capobastone Pino ha raccontato di partite “aggiustate”, di pressioni sui presidenti di alcune squadre, ma nulla che avesse a che fare con il beniamino della tifoseria bruzia. Franco “occhi di ghiaccio” riferisce del versamento annuale di abbonamenti e di 30 milioni di lire da parte della società rossoblu alla criminalità cosentina. Svela di strani “accordi” fatti con l’Avellino e il Pescara per evitare retrocessioni ma non c’è nulla che riguardi neppure da lontano Bergamini.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook