Martedì, 09 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, il messaggio di un paziente: "Ringrazio gli angeli in corsia che mi hanno salvato"
LA TESTIMONIANZA

Cosenza, il messaggio di un paziente: "Ringrazio gli angeli in corsia che mi hanno salvato"

di
L’architetto Perri è risultato positivo ed esprime gratitudine al personale che lo sta curando per la professionalità e l’umanità

Con la voce rotta dall’emozione ma con grande forza, dal letto del reparto di Malattie infettive dell’Annunziata l’architetto Francesco Perri ha voluto lanciare due messaggi importanti: uno riguardante la professionalità e l’umanità del personale del reparto in cui si trova ricoverato e l’altro sull’importanza del vaccino. Perri, noto e stimato professionista cosentino, architetto in pensione alcune settimane è risultato positivo al Covid. Il virus ha colpito lui e sua moglie nonostante siano stati sempre attentissimi, rispettosi delle regole e soprattutto avendo entrambi doppia dose di vaccino. Ma il siero lo ha salvato e spiega perché: «Qualche settimana fa mia moglie è andata al Pronto soccorso dell’Annunziata per fare una visita ed è stato sottoposta a tampone. In maniera inaspettata anche perché non aveva sintomi è risultata positiva».

Lo ha subito comunicato al marito che, quindi, ha immediatamente fatto il tampone risultando anche lui positivo. Nell’immediato nessuno dei due aveva sintomi, poco dopo l’architetto Perri ha iniziato ad avvertire dei sintomi e ha avvisato, come da prassi, l’Asp. I sanitari hanno seguito il caso dandogli una terapia farmacologica. La situazione era abbastanza sotto controllo fino a quando però le condizioni di salute dell’architetto Perri sono un po’ peggiorate. Lo scorso 21 novembre i livelli di ossigeno si sono abbassati e quindi è stato costretto al ricovero in ospedale. In quel momento gli sembrava di vivere un incubo: una notte nella tenda Covid dell’Annunziata con la saturazione che era preoccupante e poi il ricovero nel reparto di Malattie infettive. Qui si trova ancora ricoverato: «Per fortuna non sono mai stato intubato ma uso ancora la mascherina dell’ossigeno».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook