Venerdì, 01 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, la scalinata del liceo Telesio da intitolare a Lea Garofalo
L'OMAGGIO

Cosenza, la scalinata del liceo Telesio da intitolare a Lea Garofalo

Proposta formulata dal sindaco Franz Caruso. Intanto gli alunni l’hanno resa ancora più bella

Il sindaco Franz Caruso plaude al progetto Sturg e propone di intitolare la scalinata che conduce al liceo Teleso dalla piazza del Rendano, a Lea Garofalo. Gli studenti del Classico, infatti, l’hanno completamente rigenerata in questi giorni, partecipando al progetto denominato Sturg (Stairway To Urban Ri-Generation). «A questi ragazzi – ha affermato Caruso – classe dirigente di domani, chiedo di continuare a piantare semi di questo genere per fare in modo che germoglino piante sempre più belle che, per quanto mi riguarda, sono tutti quanti loro».
Ieri mattina, infatti, il sindaco ha preso parte all’iniziativa messa in campo dagli studenti del Telesio, protagonisti, appunto, del progetto Sturg, ideato e coordinato dall’associazione Musica contro le mafie, sostenuto e finanziato nell’ambito della terza edizione dell’avviso pubblico Creative Living Lab promosso dalla Direzione generale creatività contemporanea del ministero della Cultura. Alla manifestazione hanno partecipato anche l’assessore all’urbanistica, Pina Incarnato, ed il consigliere comunale con delega al Centro Storico, Francesco Alimena che hanno seguito il progetto per il Comune.
«Ringrazio i ragazzi – ha proseguito il primo cittadino ed i tanti artisti che si sono adoperati in questo prestigioso intervento di rigenerazione urbana perché così facendo hanno restituito dignità, colore e vita ad una parte abbandonata, per quanto molto frequentata, della nostra città. La scalinata da 50 anni è quotidianamente percorsa, in salita ed in discesa, dai tanti studenti del “Telesio” e, pur essendo, fra l’altro, uno degli scorci più belli della nostra città era abbandonata. Ora è ritornata a nuova vita, contribuendo a valorizzare anche piazza 15 Marzo che rappresenta, con i beni architettonici e culturali che ospita, un fiore all’occhiello della città».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook