Domenica, 03 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L’offensiva criminale sibarita non risparmia la nuova 106
SOTTO ASSEDIO

L’offensiva criminale sibarita non risparmia la nuova 106

di
Le cosche impongono il “pizzo” da Cariati a Roseto Capo Spulico

Ostaggi della criminalità. Attentati, incendi, ferimenti, lupare bianche e omicidi: l’area ionica della Calabria centrosettentrionale è da più di un anno soggetta a una imponente offensiva criminal-mafiosa. Cittadini, piccoli e grandi imprenditori, operatori economici, gestori di strutture turistiche sono costretti a vivere sotto la spada di Damocle di consorterie spietate e determinate che controllano il mercato della droga e impongono il pagamento del “pizzo”.
Gli assassini di Maurizio Scorza e della compagna tunisina trovati cadavere nell’area di Cammarata di Castrovillari ad aprile e la successiva eliminazione di Pasquale Aquino a Corigliano Rossano, segnano con il sangue l’avanzata di boss e picciotti su uno dei territori più ricchi e produttivi della regione. Un territorio che da Cariati s’allunga fino a Roseto Capo Spulico e che è interessato dalla costruzione di una opera pubblica strategica per il futuro dell’area: la nuova Statale 106 ionica. Centinaia i milioni investiti per la costruzione della bretella stradale. Soldi che fanno gola a una ‘ndrangheta agguerrita e feroce. Nei giorni scorsi sono stati distrutti quattro autocarri e un escavatore cingolato di proprietà di un’azienda impegnata nei lavori di movimento terra sul terzo macrolotto della nuova 106, che va da Sibari e Roseto. Ingentissimi i danni: 600.000 euro. Immediata la reazione della Fillea-Cgil che sollecita interventi immediati dalla Prefettura di Cosenza sulla base del protocollo di legalità che sovrintende alla realizzazione dell’infrastruttura. L’attentato è avvenuto in località “Piano della Torre” del comune di Albidona. Non si tratta, purtroppo, di un’azione intimidatoria isolata. Dal marzo dello scorso anno ad oggi, infatti, gli “ambasciatori” del racket sono sinistramente comparsi più volte con nefaste conseguenze.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook