Domenica, 03 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vertenza Terme Luigiane, i lavoratori se la predono con i Comuni
LA PROTESTA

Vertenza Terme Luigiane, i lavoratori se la predono con i Comuni

di
Nessun intervento al vecchio stabilimento

«Un’autentica presa in giro». Non hanno dubbi i lavoratori delle Terme Luigiane. Il vecchio stabilimento San Francesco a cui i Comuni hanno ripristinato il flusso dell’acqua termale, è ormai dismesso. Gli impianti sono stati smontati e necessiterebbero di lavori di ristrutturazione immediata.
Era stato lo stesso Comune di Acquappesa a quantificarli in 700mila euro. Risultato? Si è nuovamente al punto di partenza. L’annunciato del ripristino dell’acqua termale sembra una boutade. L’acqua in effetti non arriva ai nuovi stabilimenti e al parco termale, vale a dire alle strutture di proprietà di Sateca. Torniamo ai lavoratori - oggi disoccupati - che accusano i sindaci: «prendono in giro anche il presidente della Regione che aveva annunciato dopo un incontro che sarebbe stata riaperta l’acqua.
E invece i sindaci riaprono solo per uno stabilimento dismesso e da loro abbandonato, mai oggetto di manutenzione dopo l’apprensione coatta e pertanto inutilizzabile. Inventano motivazioni relative alla sicurezza per non dare acqua agli stabilimenti della Sateca non rispettando quanto concordato con Occhiuto.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook